Expertise Areas

Finance and Risk Management

Offriamo un'ampia gamma di soluzioni per le funzioni di finanza e risk management

La finanza è la spina dorsale delle operazioni retail e richiede un’attenzione e un controllo senza precedenti: dalle metriche e dai controlli delle prestazioni a livello aziendale ai modelli operativi e ai processi aziendali.

Siamo profondamente consapevoli di questo fatto, pertanto offriamo un’ampia gamma di soluzioni che consentono alle funzioni di finanza e risk management del cliente di garantire il monitoraggio delle prestazioni aziendali e un approccio operativo efficiente in termini di costi.

Un operatore mentre lavora a un terminale

Retail Operation & Fraud Prevention


La frode nel settore della vendita al dettaglio genera perdite dall’1,47% all’1,58% dei ricavi delle aziende

Drawing of a thief who runs away with a rich loot

Uno dei nostri punti di forza principali è la prevenzione delle frodi finanziarie e commerciali (in negozio). Infatti, riteniamo che il rilevamento delle frodi sia un problema critico e un primo passo per le aziende del settore retail determinate a prevenire le perdite e a preservare la fiducia dei clienti. Pertanto, in Valuement sappiamo che la definizione di strategie per il rilevamento e la prevenzione delle frodi è fondamentale. Il nostro track record è ciò che dimostra l’eccellenza delle nostre conoscenze in materia di protezione dalle frodi, soluzioni di prevenzione delle frodi e servizi di gestione delle frodi.

Sfortunatamente, le frodi possono provenire da molte fonti diverse: clienti o persone che si mascherano da clienti, dipendenti del negozio o criminali esterni. Al giorno d’oggi, le frodi più importanti coinvolgono falsi fornitori, false informazioni bancarie e resi fraudolenti di merci.

Quindi, possiamo vedere come la prevenzione delle frodi finanziarie per i rivenditori stia assumendo sempre più importanza ogni giorno, poiché la tecnologia continua a evolversi e cambiare. Questi casi particolari sono molto legati a temi come la prevenzione delle frodi online e la prevenzione delle frodi nell’e-commerce; nel vasto ambito della strategia di prevenzione delle frodi nel settore retail.

Tuttavia, anche se i tempi stanno cambiando, le aziende del settore retail non possono dimenticare di proteggersi dai casi di frode finanziaria e di continuare a mirare a uno sviluppo ragionevole della strategia di prevenzione delle frodi per quanto riguarda il retail-lending.

Ci sono alcune azioni chiave che le aziende possono compiere per migliorare continuamente il proprio livello di sicurezza. L’analisi di transazioni e attività come acquisti, contabilità fornitori, POS, proiezioni di vendita, movimenti di magazzino, registri dei turni dei dipendenti, resi, registrazioni video e audio a livello di negozio e altri dati può aiutare le aziende a identificare attività fraudolente e a sviluppare priorità nuove e più appropriate per la gestione dei casi e delle indagini.

Analisti, consulenti finanziari e contabili al lavoro in ufficio

Chain Financing

Altri grandi aspetti su cui lavorare, al fine di innescare una crescita più rapida, sono il Channel Financing, il Supply Chain Finance, l’ottimizzazione del working capital e il Dynamic Discounting.

Il Supply Chain Finance (SCF) può essere descritto come il pacchetto di soluzioni che consente a un’azienda di finanziare il proprio working capital (crediti, debiti, riserve) facendo leva sul proprio ruolo nella catena di fornitura e sui rapporti con gli stakeholder della catena.

Poiché le catene di fornitura globali si estendono in tutto il mondo con acquirenti multinazionali da un lato e un gruppo eterogeneo di fornitori in numerosi paesi dall’altro, sappiamo che le aziende sono sotto pressione per sbloccare il working capital intrappolato nelle loro catene di approvvigionamento.

Questo è il motivo per cui diamo così tanta importanza alla Supply Chain Finance, nota anche come Supplier Finance o Reverse Factoring. Questo volto della finanza è rappresentato da un insieme di soluzioni che ottimizzano il Cash Flow; lo fanno consentendo alle aziende di allungare i termini di pagamento ai propri fornitori offrendo al contempo la possibilità ai propri fornitori di grandi dimensioni e PMI di essere pagati in anticipo.

Ciò si traduce in una situazione vantaggiosa sia per l’acquirente che per il fornitore. L’acquirente ottimizza il working capital e il fornitore genera un Cash Flow operativo aggiuntivo, riducendo così al minimo il rischio lungo la catena di fornitura.

Lo sconto dinamico è precisamente la tecnologia che consente questo approccio win-win. Possiamo infatti definire i vantaggi del Dynamic Discounting come tutti quei benefici derivati ​​dalla possibilità di effettuare un pagamento anticipato al fornitore in cambio di uno sconto in fattura. Più giorni di anticipo, più sconto in fattura.

 

Procurement & Financing:

Un altro aspetto fondamentale del business in cui il tema del Financing ha un impatto importante è il Procurement.

L’approvvigionamento o Procurement generalmente implica prendere decisioni di acquisto in condizioni di scarsità. Se sono disponibili dati affidabili, è buona norma utilizzare metodi di analisi economica come l’analisi costi-benefici o l’analisi costi-utilità.

Il Procurement viene utilizzato per garantire che l’acquirente riceva i beni, servizi o lavori al miglior prezzo possibile – quando vengono confrontati aspetti come qualità, quantità, tempo e posizione. Quindi, possiamo vedere chiaramente come la finanza gioca un ruolo fondamentale nella sua gestione. E come sia il momento di integrare finanza e acquisti per ottenere vantaggi competitivi reali e sostenibili a lungo termine.

Il Procurement implica diverse strategie e strumenti che devono essere compresi a fondo. Ad esempio, Procure-to-pay è un termine utilizzato nell’industria del software per designare una suddivisione specifica del processo di approvvigionamento che si occupa dei cicli p2p e del processo p2p. Una strategia di procure to pay ottimizzata è fondamentale per consentire l’integrazione del reparto acquisti con il reparto contabilità fornitori (AP).

Alcuni dei più grandi attori dell’industria del software oggigiorno concordano su una definizione comune di procure-to-pay, collegando il processo di approvvigionamento e il dipartimento finanziario.

Le fasi del ciclo di vita del procure-to-pay di solito includono:

Gestione forniture – Carrello o richiesta – Ordine di acquisto – Ricezione – Riconciliazione fatture – Contabilità fornitori.

A differenza dei sistemi source-to-pay, le soluzioni Procure to Pay non includono la funzione di approvvigionamento né nozioni di pianificazione e previsione della produzione poiché questi aspetti riguardano il Supply Chain Management.

PARLIAMO DEL TUO PROGETTO

I agree with terms and conditions

I NOSTRI SERVIZI